Regolamento voto laurea magistrale (nuovo regolamento)

Per il precedente regolamento per il voto di laurea e gli altri regolamenti didattici, consultare la sezione dedicata.

Il presente regolamento è disponibile anche in formato PDF.

Nella seduta del 21 marzo 2011 il Consiglio Didattico ha approvato le indicazioni seguenti, da suggerire alla Commisione di laurea, per la costruzione del voto della Laurea Magistrale in Matematica, e per l’eventuale attribuzione della lode:

v = n + a, ove v0 = (110/30) * (0.75·m + 0.25·l) + 4 + b .

Legenda:

v = voto finale in centodecimi

v0 = voto in centodecimi non ancora arrotondato

n = parte intera di v0 (massimo intero ≤ v0)

a = arrotondamento, dato dalla regola specificata sotto

m = media pesata in base ai CFU dei voti in trentesimi del curriculum

l = voto della tesi in trentesimi dato dalla Commissione(stesura + presentazione)

b= bonus dato dalla Commissione, che può valere 0 oppure 1 e vale senz’altro 1 se il candidato si laurea entro l’aprile successivo al suo secondo anno di corso.

L’arrotondamento a è dato dalla formula: a = 0 se v0−n < 0.5, a = 1 se v0−n ≥ 0.5.

La Commissione prende in considerazione l’eventuale attribuzione della lode se e solo se v ≥ 110. La lode viene attribuita all’unanimità.

Al fine del conseguimento della laurea triennale, lo studente deve preparare e discutere una tesina di fronte ad una Commissione di Laurea formata da un minimo di 5 membri. Il lavoro complessivo relativo alla preparazione e presentazione della tesina è quantificato in 6 crediti formativi universitari (CFU).

Il voto di laurea è determinato dalla somma dei seguenti tre contributi.

  • La media ponderata (tenendo conto dei CFU) dei voti assegnati per le diverse attività formative che comportano una votazione, rivalutata in centodecimi.
  • Fino a sette punti per la redazione e presentazione della tesina.
  • Un punto per un percorso di laurea portato a compimento nei tempi previsti dal corso di laurea triennale.

Se tale somma non eccede centodieci, il voto di laurea (in centodecimi) è il più grande numero intero non superiore alla somma stessa.

Se la somma è superiore a centodieci, la commissione di laurea ha la facoltà di attribuire all’unanimità la votazione di centodieci e lode.

Lo studente ha a disposizione venti minuti circa per la presentazione della tesina.

La proclamazione dei laureati avviene alla fine di ogni seduta, dopo una discussione che conduca a un giudizio comparativo dei laureandi. L’ora della proclamazione è fissata a priori e comunicata ai candidati all’atto della convocazione per la seduta di laurea.

Ultima modifica: 13/02/2008 alle ore 09:35.